Mercoledì 7 dicembre presidio sindacale in Prefettura contro la manovra del Governo

La Cisl bresciana porterà la sua protesta contro la manovra finanziaria in Prefettura. Il presidio avrà luogo mercoledì 7 dicembre, dalle ore 16 alle ore 18, nel cortile di Palazzo Broletto a Brescia. Ci saranno anche Uil e Cgil.  «I lavoratori sono preoccupati, perché sono spiazzati – ha spiegato ieri pomeriggio Enzo Torri, Segretario generale della Cisl Brescia, rispondendo alle domande di alcuni giornalisti – Le nostre perplessità riguardano soprattutto la mancata rivalutazione delle pensioni al di sopra del minimo, e le nuove regole in tema di anzianità». Su quest’ultimo aspetto Torri ha sottolineato che ormai da anni «si continua a innalzare l’asticella: prima 35 anni, poi 37, quindi 38 con le quote, poi 40 con le finestre, e adesso 42».
Il tutto si traduce in una duplice penalizzazione: «Da un lato aumentano gli anni di contribuzione, dall’altro si corre il rischio che nonostante il raggiungimento del nuovo limite ci si trovi ad avere un assegno decurtato per via dell’età inferiore rispetto alla soglia di vecchiaia». Critiche anche per l’incertezza sulla posizione dei lavoratori delle aziende in crisi, «che potrebbero non agganciare il periodo degli ammortizzatori sociali con l’età pensionabile – conclude Torri – e quindi ritrovarsi senza lavoro e senza pensione».

Etichette: , , , ,