Mobilitazione a Bassano Bresciano dei lavoratori del gruppo Ideal Standard

Si è svolta oggi la prima delle due giornate di mobilitazione dei lavoratori del gruppo Ideal Standard che hanno presidiato l’ingresso della piattaforma logistica di Bassano Bresciano. Ne danno notizia Filctem Cgil, Femca Cisl e Uilcem Uil di Brescia insieme alle Rsu, specificando che oggi “era presente una consistente delegazione giunta con 3 pullman dallo stabilimento di Trichiana (BL), da Milano e da Roccasecca (FR). Domani si replica con la partecipazione dei lavoratori di Orcenico (PN).

IMPEGNI MANCATI – Le ragioni della iniziativa sono riassumibili nel mancato rispetto degli impegni sottoscritti ed alla già annunciata richiesta, che verrà ufficializzata nell’incontro del prossimo 7 dicembre al Ministero del Lavoro, di ulteriori 24 mesi di contratto di solidarietà, per far fronte ad una consistente riduzione dei volumi produttivi, che insieme al congelamento degli investimenti, mette a serio rischio la sopravvivenza di Ideal Standard in Italia.

I LAVORATORI BRESCIANI DEL GRUPPO – Per quanto riguarda i lavoratori dell’ex stabilimento di Brescia, collocati “in prestito” alla piattaforma logistica di Arcese, la scadenza dei due anni del’accordo ministeriale del novembre 2009, non ha prodotto ancora nessun risultato.

L’INCONTRO CON L’ASSESSORE GHIRARDELLI – Tutto ciò è stato ribadito anche ieri nel corso di un incontro con l’assessore provinciale Ghirardelli, il quale ha informato la delegazione sindacale sulla scadenza nei prossimi giorni della possibile sottoscrizione del protocollo di avvio dei lavori di riqualificazione dello scalo merci la “piccola” di Via Dalmazia, che la provincia ha già approvato e che ha avuto il benestare dell’Associazione Industriali Bresciana. Fosse approvato oggi, necessiterebbero almeno 12 mesi per poter vedere realizzato il progetto.

LA SVOLTA CHE NON C’E’ – Cosa ne impedisce ancora l’avvio? il Comune di Brescia deve una risposta, e soprattutto la deve Ideal Standard. Quale che sia la risposta, il sindacato non accetterà mai che il “prestito” dei lavoratori ad Arcese, diventi una finta asunzione a tempo indeterminato. Potrebbe invece andare a segno la speculazione sull’area dell’ex stabilimento, vera motivazione della cessata attività produttiva in Via Milano.

NO ALLA SPECULAZIONE – “Noi lo impediremo – scrivono Filctem Cgil, Femca Cisl e Uilcem Uil di Brescia, unitamente alle Rsu Ideal Standard – con tutte le iniziative utili a far si che non sia solo il sindacato, come è ad oggi, a rispettare le intese e per garantire una continuità produtiva in Italia con una logistica specializzata che torni a Brescia e non sia più appaltata all’esterno della società”.

Etichette: , , ,

CISL BRESCIA: Uffici aperti. Accessi in sicurezza regolati su prenotazione allo 030 3844 511