Il blocco Fiom alla Oto Melara. La Fim: avanti cosi e ci faremo male da soli

La Fiom Cgil blocca i cancelli della Oto Melara. La Fim Cisl si dissocia. La protesta dei lavoratori della ex Breda di Brescia riguarda la cessione di un ramo d’azienda ad una società del gruppo Finmeccanica e la conseguente riorganizzazione del sito produttivo di Brescia.
Alessandra Damiani, componente della Segreteria della Fim Cisl di Brescia, che ieri era davanti ai cancelli della fabbrica bresciana, ha spiegato che forme estemporanee di protesta come quella messa in atto dalla Fiom non aiutano la ricerca di un confronto serio con la direzione aziendale. “Avanti così – ha concluso – e ci faremo del male da soli”.
Lunedì 24 ottobre le delegazioni sindacali della Breda-Oto Melara incontreranno il Palazzo Loggia il Sindaco di Brescia per manifestare la preoccupazione dei lavoratori e chiedere l’impegno del Comune a sostegno del mantenimento dello stabilimento bresciano.

Un lungo servizio sull’episodio di ieri è disponibile sul sito di Brescia Punto Tv

Etichette: , , , , , ,