Allargare il Pgt. Enzo Torri (Cisl): prioritaria deve essere una politica per la casa
TORNA INDIETRO

Allargare il Pgt. Enzo Torri (Cisl): prioritaria deve essere una politica per la casa

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 14 Ottobre 2011

Lavoro, ambiente, mobilità. Sono i tre punti sui quali il Partito Democratico di Brescia sviluppa da tempo la sua critica al Piano di Governo del Territorio presentato dalla Giunta che guida la città capoluogo e recentemente approvato dall’assemblea di Palazzo Loggia. Tre punti che per essere incisivi e tradotti in azioni amministrative in grado di migliorare la qualità della vita dei bresciani non possono essere limitati ai confini della città ma investire almeno l’area metropolitana.
Da questa consapevolezza nasce l’incontro organizzato dai Gruppi consiliari Pd di Comune e Provincia in programma questa sera alle 20.30 al teatro Sancarlino in corso Matteotti, 6 a Brescia.
A portare un contributo alla discussione di quella che per il maggiore partito di opposizione è «una sfida fondamentale per lo sviluppo della città», il Pd ha chiamato stasera i Segretari generali di Cgil Cisl e Uil, insieme ai rappresentanti di Confesercenti e Confartigianato.
La riflessione critica del Pd che verrà offerta come spunto per il confronto e il dibattito è sintetizzata così dal capogruppo in Loggia Emilio Del Bono: «Il Pgt della Giunta Paroli è nato contro la città e contro le parti sociali, perché è nato senza di loro. Non c’è infatti una pianificazione seria che tenga conto dei Comuni dell’hinterland, né per ciò che riguarda l’offerta abitativa in cui non è stata contemplata l’urgenza che deriva dalla necessità di edilizia convenzionata».
Ed è proprio sulle questioni dell’abitare che si sono focalizzate le osservazioni al Pgt del Comune di Brescia presentate dalla Cisl, “questione prioritaria – ha più volte ribadito Enzo Torri, Segretario generale dell’organizzazione di via Altipiani d’Asiago facendo riferimento alla ricerca condotta dalla Cisl sul fabbisogno abitativo a Brescia – per chiunque intenda amministrare il bene comune guardando innanzitutto al bene della persona e dei nuclei familiari”.

LA CISL DI BRESCIA SUL PGT DI BRESCIA 14.9.2011