Alla Camera di Commercio un consulto su Brescia e la crisi

Si è tenuta oggi alla Camera di Commercio cittadina una riunione allargata del Consiglio camerale per discutere di come Brescia può uscire dalla crisi. C’erano i rappresentanti delle imprese industriali e di quelle artigiane, dell’università e degli istituti di credito, e c’erano i Segretari generali di Cgil Cisl Uil.

Brescia non può più permettersi di aspettare la politica o di fare conto sull’ordinaria amministrazione delle istituzioni alle prese con la cronica mancanza di risorse, ma forse anche di progettualità. Non se lo può permettere il mondo del lavoro – hanno sottolineato i Galletti, Torri e Zanelli: il conto percentuale della disoccupazione (che è di poco inferiore al 6%) non dice tutta la verità: il massiccio e continuo ricorso alla cassa integrazione disegna un quadro occupazionale molto preoccupante.
Il confronto si è mosso a partire dai dati del Centro studi della Camera di Commercio, numeri che dicono che quello bresciano è un tessuto economico ancora capace di dinamismo (cresce il numero delle imprese, nonostante le difficoltà congiunturali e avendo ben presenti quelle di natura strutturale), con segnali importanti sul fronte dell’esportazione (+18,5%. nel 2010).

Da qui una serie di indicazioni di percorso: approfondire la ricerca sulla qualità delle nuove imprese, accompagnarne la crescita, puntare sulla loro internazionalizzazione, coordinare le iniziative sui mercati esteri, concentrare le risorse a sostegno delle esportazioni.
Brescia è una macchina di grandi potenzialità che ha bisogno di carburante, vale a dire di un sistema del credito che si faccia protagonista della strategia di sistema per Brescia e il suo sviluppo. Si è così parlato dei costi troppo alti del credito alle imprese e della rigidità delle banche che non sanno condividere il rischio, sempre necessario, quando si è in presenza di idee e progetti innovativi.
La sfida è quella di dare concretezza alla voglia di riscatto emersa nelle parole di tutti i partecipanti al Consiglio camerale allargato, un denominatore comune che ha bisogno di una urgente e fattiva declinazione.

Etichette: , , , , , , ,