La Cisl per gli Amministratori di sostegno | Scopri di più

Rottura delle trattative per il contratto dei lavoratori delle farmacie private
TORNA INDIETRO

Rottura delle trattative per il contratto dei lavoratori delle farmacie private

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 13 Settembre 2011

Si sono interrotte con una grave rottura le trattative per il rinnovo del contratto nazionale delle Farmacie private, che riguardano oltre 17mila lavoratrici e lavoratori (nel territorio bresciano le Farmacie private sono 330 con circa 600 dipendenti) . Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil definiscono “inaccettabile” la proposta economica avanzata da Federfarma: 90 euro lordi al primo livello, a copertura del triennio 2010-2013, e una “una tantum” di 800 euro in tre tranches. I sindacati contestano a Federfarma di non consentire alcuna apertura sulla previdenza complementare e sull’assistenza sanitaria integrativa,  l’indisponibilità a valorizzare le professionalità intervenendo sulla classificazione del personale (ormai obsoleta), la negazione del diritto al part-time post maternità, la non volontà a investire sulla formazione.  Allo stato dlele cose appare certa la proclamazione da parte di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil dello stato di agitazione. (ildiariodellavoro.it)