Permessi di soggiorno agli immigrati: ritardi ormai senza giustificazione
TORNA INDIETRO

Permessi di soggiorno agli immigrati: ritardi ormai senza giustificazione

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 12 Settembre 2011

Sono senza giustificazione i ritardi nel rilascio dei permessi di soggiorno agli immigrati bloccati per il reato di clandestinità da parte dello sportello unico per l’immigrazione. I Segretari generali di Cgil, Cisl (Brescia e Valcamonica–Sebino) e Uil lo scrivono in una lettera congiunta che intende riportare la questione all’attenzione generale. Chiedono «lo sveltimento delle pratiche per ricondurre alla normalità una situazione di disagio» che cresce di giorno in giorno. I permessi bloccati «sono stati riammessi al termine del mese di giugno con una circolare del Ministero degli interni”: inizialmente il ritardo era stato imputato alla riorganizzazione dell’ufficio provinciale del lavoro, ma due mesi sembrano davvero troppi! I ritardi – scrivono i Segretari di Cgil Cisl e Uil – non sono oggi più sostenibili; occorre farsi carico seriamente «delle attese a cui sono stati sottoposti gli immigrati coinvolti, restituendo legalità a coloro che hanno aspettato per troppo tempo il riconoscimento del loro diritto».