Protesta della Cisl regionale a Monza (200 i bresciani presenti): basta prese in giro!

Quasi in duecento da Brescia alla manifestazione regionale della Cisl che a Monza ha protestato oggi pomeriggio davanti ad uno dei simboli della poca serietà e della inaffidabilità del Governo, vale a dire i ministeri del Nord voluti dalla Lega. “Non se ne può più della propaganda del niente in cui si è specializzata la Lega – ha detto Enzo Torri, Segretario generale della Cisl bresciana – e questi ministeri fasulli sono l’emblema della enfatizzazione delle sciocchezze e della sottovalutazione dei problemi veri del nostro Paese operata ormai sistematicamente dal Governo”.
“Il disagio del mondo del lavoro è profondo – ha detto dal palco il Segretario generale della Cisl Lombardia Gigi Petteni – occorre un nuovo patto fiscale per estirpare la piaga dell’evasione e per far pagare a chi non paga mai; occorre introdurre la patrimoniale, i cui introiti devono andare per due terzi all’abbattimento del debito e per un terzo alla crescita; è necessario un piano straordinario per l’occupazione dei giovani. Per questo noi proponiamo, a tutti coloro che sono disponibili (sindacati, imprese, associazionismo) una grande mobilitazione d idee e di azione comune per dare risposte concrete”. Il leader della Cisl lombarda ha poi sottolineato che “sviluppo della contrattazione e delle relazioni industriali sono la strada maestra del sindacato e attraverso la contrattazione applicheremo le norme che condividiamo”.
Petteni ha anche coniato una nuova parola: “Noi – ha detto dal palco della manifestazione – ci sentiamo napoletaniani, e ci assumiamo le nostre responsabilità. Non dobbiamo farci sopraffare dalla paura: serve coraggio e prospettiva”. Al presidio hanno partecipato anche esponenti del Pd lombardo, tra cui il segretario regionale Maurizio Martina.

Etichette: , , , , , ,

CISL BRESCIA: Uffici aperti. Accessi in sicurezza regolati su prenotazione allo 030 3844 511