Guarda la registrazione del convegno  E’ POSSIBILE SUPERARE L’OSTACOLO DELLE PAURE? clicca QUI

Gianfranco Caffi, una testimonianza che fa ancora riflettere
TORNA INDIETRO

Gianfranco Caffi, una testimonianza che fa ancora riflettere

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 20 Agosto 2011

A quasi quattro anni dalla sua scomparsa, il nome di Gianfranco Caffi continua a riaffiorare con forza in ogni riflessione su coscienza e politica, su responsabilità personale e mandato pubblico, sulla coerenza delle parole e dei comportamenti. Stavolta lo spunto è la lettera aperta che l’ex Sindaco di Brescia Cesare Trebeschi ha scritto in luglio all’attuale primo cittadino, Adriano Paroli, per ricordargli, rifacendosi al motto che sta sulla facciata di Palazzo Loggia – FIDELIS BRIXIA FIDEI ET IUSTITIAE CONSECRAVIT –  l’incompatibilità (legata alla sostanza più ancora che alla forma) del doppio mandato di Sindaco e di Parlamentare, lettera aperta pubblicata dal Giornale di Brescia il 27 luglio.
Le stringenti argomentazioni di Trebeschi hanno riportato alla mente di un altro lettore del quotidiano, Luigi Salvetti, sacerdote diocesano e pittore molto noto, le vicende e la testimonianza politica di cui è stato protagonista negli anni ’80 Gianfranco Caffi, ricordandone la figura di uomo, di sindacalista della Cisl, di cittadino impegnato e di grande artista. Una testimonianza, la sua, che ancora parla alla politica e alla società contemporanea.

la lettera di Luigi Salvetti in ricordo di Gianfranco Caffi