Aziende artigiane metalmeccaniche. Il rinnovo contrattuale è unitario
TORNA INDIETRO

Aziende artigiane metalmeccaniche. Il rinnovo contrattuale è unitario

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 16 Giugno 2011

Fiom, Fim, e Uilm hanno firmato l’altra sera l’accordo per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle aziende artigiane dell’area metalmeccanica scaduto da 18 mesi. L’intesa triennale che riguarda complessivamente oltre 500mila lavoratori e 150mila imprese, prevede un incremento retributivo a regime pari a 86 euro e 247 euro di una tantum ad integrale copertura della vacanza contrattuale. “Il raggiungimento dell’intesa garantisce tutela economica e normativa in un settore frammentato dal punto di vista produttivo ed occupazionale e in una situazione complicata da una pesante crisi economica. – commenta Anna Trovò, segretario nazionale Fim Cisl – L’intesa unitaria è avvenuta senza che sia stato messo in discussione, nelle sue parti essenziali, il modello contrattuale sulla base del quale Fim e Uilm hanno rinnovato i contratti dell’industria metalmeccanica, delle cooperative metalmeccaniche e del settore orafo e argentiero”. Il nuovo contratto realizza l’accorpamento dei contratti dei settori metalmeccanica, installatori impianti, orafi, argentieri e affini e odontotecnici e si chiamerà “Contratto nazionale di lavoro dell’area metalmeccanica, lavorazioni, tradizionali e artistiche”.

Questi i principali punti dell’ipotesi di accordo:

– il contratto scadrà il 31-12-2012 e avrà una durata triennale. La contrattazione di secondo livello si collocherà a metà della vigenza;

– sul part time vengono regolamentate le clausole elastiche e flessibili; per la loro adozione è previsto uno specifico patto scritto nel quale può essere definita anche la durata. Sono inoltre state definite le casistiche che consentono l’uscita da tali clausole per oggettivi motivi familiari e personali. Le variazioni della collocazione temporale o della durata (le

clausole flessibili e elastiche) saranno retribuite con una maggiorazione aggiuntiva del 10% ;

– sono definite le casistiche specifiche per poter assumere con contratto a termine, il numero di lavoratori assumibili con tale forma contrattuale e la durata massima del periodo a tempo determinato. Il periodo di lavoro a termine viene considerato utile ai fini della maturazione degli istituti contrattuali legati all’anzianità.

accordo artigiani metalmeccanici