Bancari: ok al documento per il contratto
TORNA INDIETRO

Bancari: ok al documento per il contratto

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 19 Maggio 2011

I lavoratori degli istituti di credito della città hanno discusso e approvato nell’Aula magna dell’Istituto “Abba” la piattaforma per il rinnovo del Contratto nazionale di lavoro scaduto il 31 dicembre 2010. Punti salienti della piattaforma sono: lotta alla precarietà (la richiesta è che tutte le nuove assunzioni siano a tempo indeterminato); difesa dell’area contrattuale (tutte le attività devono restare dentro il contratto del credito); rafforzamento delle trattative a livello aziendale; rappresentanti dei lavoratori nei Consigli di Amministrazione; limiti e controlli ai sistemi incentivanti e ai compensi dei manager; incrementi salariali che consentano di recuperare il potere d’acquisto fortemente penalizzato in questi ultimi anni.

La piattaforma è stata presentata e sostenuta unitariamente da Fiba Cisl, Fisac Cgil, Uilca Uil, Ugl Credito, Fabi e Dircredito.
Il documento approvato dall’assemblea cittadina dei lavoratori delle banche chiede di cambiare il modello, i metodi e le linee di lavoro che in questi anni hanno messo al centro risultati a breve, brevissimo periodo, producendo sì lauti compensi per i manager ma grande stress per i lavoratori.
L’atteggiamento dell’Associazione Bancaria Italiana – spiegano le organizzazioni sindacali – è stato subito di chiusura: la disdetta unilaterale di ABI del fondo esuberi, lo strumento che ha consentito in questi anni di governare pesanti ristrutturazioni senza licenziamenti, dimostra che questo rinnovo contrattuale non sarà semplice. Dall’assemblea cittadina e dalle assemblee organizzate in provincia arriva però dai lavoratori un segno forte di interesse e di partecipazione.
La piattafirma è stata approvata con una sola astensione su oltre 500 votanti.