Pensionati e Comune di Gottolengo per le nuove povertà
TORNA INDIETRO

Pensionati e Comune di Gottolengo per le nuove povertà

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 20 Marzo 2011

I sindacati dei pensionati hanno firmato un altro accordo di contrattazione sociale. L’intesa è stata raggiunta con il Comune di Gottolengo e contiene alcuni significativi elementi di novità. Questa mattina il quotidiano Bresciaoggi ne da notizia entrando nei particolari dell’intesa.

“Stavolta non si tratta del consueto protocollo di routine per soddisfare bisogni contingenti – scrive il giornale di via Eritrea – Il Comune di Gottolengo e i sindacati hanno voluto infatti stendere un piano d’azione strategico teso a fronteggiare in modo strutturale l’emergenza nuove povertà. Se infatti fino ad oggi la piattaforma d’aiuti si focalizzava essenzialmente sugli anziani e i disabili, categorie fisiologicamente più esposte alle difficoltà economiche, l’intesa siglata pochi giorni si prende carico anche delle famiglie alle prese con problemi di occupazione.

Il piano di aiuti messo a punto da amministratori e forze sociali contempla agevolazioni tariffarie, tributi locali e servizi alla persona accessibili anche a cassaintegrati e neodisoccupati. I contenuti sono frutto del lavoro svolto da un Tavolo formato dal sindaco Giuliana Pezzi, dall’assessore al Welfare Alberto Agazzi e dalla delegazione di Spi Cgil, Fnp Cisl, Uilp Uil, formata da Roberto Bettoni, Giuseppe Capuzzi, Mario Brignani, Marino Marini e Giancarlo Brizzolari. I criteri di assegnazione dei contributi e benefit ruotano attorno all’Isee, ovvero l’indicatore situazione economica equivalente e al minimo vitale fissato in 4.323 euro annui. Accanto al pacchetto di servizi per così dire consolidati come, telesoccorso, assistenza domiciliare e consegna dei pasti a domicilio, sono previsti rimborsi parziali delle fatture per le forniture di energia elettrica e metano e per le spese sanitarie sui ticket sui medicinali, visite specialistiche e terapie riabilitative. Confermato l’abbattimento del 30% sulla tassa dei rifiuti per i single e una serie di agevolazioni per gli inquilini di immobili inferiori ai 70 metri quadri. Fino a 8 mila euro scatterà l’esenzione dall’Irpef comunale. Alla luce dell’efficacia riscontrata negli anni passati viene riproposto il prestito d’onore, ovvero un piccolo affidamento economico garantito dal Comune alle famiglie che si trovano in difficoltà economica temporanea. Comune e sindacati si sono impegnati a incentivare la campagna informativa e di consulenza per incentivare l’utilizzo del bonus energia, affitto, gas stanziati dalla Regione. Debutta invece la Carta d’argento riservata agli ultrasessantacinquenni che potranno beneficiare di sconti nei negozi convenzionati. Per avere informazioni sull’accesso agli aiuti, bisogna rivolgersi ai patronati Spi Cgil, Fnp Cisl, Uilp Uil o all’Ufficio servizi sociali”: