FP Cisl: sì convinto al protocollo
TORNA INDIETRO

FP Cisl: sì convinto al protocollo

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 17 Novembre 2008

Preoccupati per le divisioni che vive il movimento sindacale ma fortemente convinti della bontà e della giustezza dell’azione della Cisl. Il Consiglio territoriale Funzione Pubblica della Cisl di Brescia conclude così la riunione dedicata alla valutazione della situazione sindacale dopo la la firma da parte di Cisl e Uil del protocollo d’intesa del Pubblico Impiego a fronte del disimpegno della Cgil.

Angelo Galeazzi, Segretario generale della FP Cisl di Brescia ha sottolineato nella sua relazione i punti qualificanti del protocollo: l’avvio della stagione dei rinnovi dei contratti Nazionali di Lavoro per tutti i comparti del Pubblico Impiego; il finanziamento delle risorse per il biennio 2008/2009; il recupero dei fondi per la contrattazione decentrata per i Ministeri, Enti Pubblici non economici e agenzie Fiscali che la legge 133/08 aveva decurtato dal 1 gennaio 2009; la possibilità di integrare i fondi di produttività attraverso l’utilizzo dei risparmi aggiuntivi realizzati per effetto dei processi di razionalizzazione; l’apertura del tavolo del confronto per un nuovo modello contrattuale anche per la Pubblica Amministrazione in analogia a quanto si sta discutendo per i settori privati dove si rilancia con forza il secondo livello di contrattazione; la conferma che i contratti di lavoro sono da definire attraverso il confronto tra le parti e non  in termini Legislativi.

Nel documento conclusivo della riunione, votato all’unanimità, il Consiglio territoriale Funzione Pubblica della Cisl di Brescia ribadisce che i contenuti del Protocollo di’intesa costituiscono l’avvio di un nuovo percorso che dovrà vedere il sindacato protagonista nell’azione di ammodernamento e di razionalizzazione delle amministrazioni pubbliche, resa ancor più urgente in vista del federalismo fiscale ed istituzionale che determinerà una ridefinizione del ruolo e degli assetti degli uffici ministeriali sul territorio.

Auspicando infine che il confronto per la definizione dei contratti per gli altri comparti della Pubblica Amministrazione ormai scaduti da 11 mesi possa riprendere e concludersi rapidamente, la FP Cisl di Brescia ribadisce di condividere l’azione della Cisl Confederale in questa situazione di grave crisi sociale ed economica che necessita di interventi fiscali per dare ossigeno ai redditi dei lavoratori e dei pensionati, misure di sostegno all’economia reale, ad una riforma degli ammortizzatori sociali, a sostegno e tutela dei lavoratori precari.