La Cisl per gli Amministratori di sostegno | Scopri di più

Pubblico impiego: oltre 3000 al presidio di stamane
TORNA INDIETRO

Pubblico impiego: oltre 3000 al presidio di stamane

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 24 Luglio 2008

Oltre 3000 lavoratori hanno preso parte questa mattina nel centro di Brescia al presidio promosso dalle Categorie del Pubblico Impiego di Cgil Cisl e Uil con il sostegno e l’adesione delle strutture confederali territoriali. Una manifestazione con una partecipazione importante, a sottolineare la gravità delle decisioni del Governo rispetto al pubblico impiego, dalla normativa ad hoc sulla certificazione di malattia frutto del peggiore qualunquismo e della pervicacia volontà del Ministro Brunetta di agitare la bandiera del populismo, fino al disegno di legge che minaccia i livelli salariali acquisiti. Sullo sfondo la chiara mancanza di volontà del Governo di non andare al rinnovo del contratto del pubblico impiego, visto che l’accantonamento previsto in Finanziaria è del tutto insufficiente. I lavoratori pubblici hanno risposto stamattina con forza a queste ipotesi spiegando con un volantinaggio ai cittadini che le questioni dell’efficienza e della funzionalità degli uffici pubblici non è dei cosiddetti “lazzaroni”, che non è difficile trovare anche in altri ambiti produttivi, ma di chi dovrebbe mettere in condizioni gli uffici di lavorare al meglio e non lo fa, vale a dire il Governo centrale. Basta demagogia, hanno detto in sostanza questa mattina i lavoratori, prima in piazza e poi nell’incontro con il Prefetto al quale hanno rappresentato tutto il loro disagio e la loro preoccupazione. Il corteo dei lavoratori si è mosso da Largo Formentone, a ridosso del palazzo municipale di Brescia, e sfilando nella centralissima via X Giornate, Corso Zanardelli e Via Mazzini è arrivato in Piazza Paolo VI sostando all’esterno della Prefettura. La delegazione ricevuta dal Prefetto era composta dai Segretari generali di Cgil Cisl e Uil e dai Segretari generali del pubblico impiego e della scuola delle tre sigle sindacali. Nell’incontro sono stati consegnati dei documenti che il Prefetto si è impegnato a trasmettere a Palazzo Chigi.

Leggi il testo dell’intervento del Segretario generale della Cisl.