La Cisl per gli Amministratori di sostegno | Scopri di più

Riforma del contratto: difficile ma necessaria
TORNA INDIETRO

Riforma del contratto: difficile ma necessaria

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 26 Giugno 2008

“Non bisogna scoraggiarsi né cadere nel gioco di chi vorrebbe il nostro disimpegno”. Così Raffaele Bonanni, di fronte alla Assemblea generale dei Delegati della Cisl riunita questa mattina nella sala convegni della Camera di Commercio cittadina per approfondire e discutere la riforma dei livelli contrattuali, ha sintetizzato l’impegno della Cisl nella difficile trattativa avviata con Confindustraia. “Non dobbiamo dimenticarci – ha spiegato ancora il Segretario nazionale della Cisl – che sono in molti a sperare in un abbandono sindacale del tavolo di confronto, in modo da avere mani libere per fare e disfare senza di noi. Noi non cadremo in questa trappola. Vogliamo percorrere tutte le strade possibili per arrivare ad un accordo serio con vantaggi reali per i lavoratori e i pensionati”. Il movimento sindacale è infatti impegnato su più fronti, compreso quello con il Governo per ottenere alleggerimenti fiscali su salari e pensioni. I lavori della Assembla sono stati aperti da Segretario della Cisl di Brescia, Renato Zaltieri, il quale ha sottolineato l’importanza e la delicatezza della riforma, “una proposta unitaria che a Brescia, come è avvenuto su welfare e pensioni, rischiamo però di trovarci da soli a dover spiegare e sostenere. Ma noi andiamo avanti, come siamo andati avanti sul welfare, alla fine capìti e premiati dai lavoratori, che è la cosa che ci interessa più di tutte le altre. Dunque, attraverso le nostre Categorie, andremo a verificare caso per caso se sono possibili assemblee unitarie sui posti di lavoro, e quando non sarà possibile convocheremo assemblee come Cisl, supportate dal notiziario informativo che abbiamo predisposto e che già stato inviato agli iscritti”.

Nel merito della proposta sindacale unitaria per la ridefinizione del modello contrattuale, Zaltieri ha messo l’accento sul secondo livello di contrattazione come chiave per garantire ai lavoratori di vedere riconosciuti in busta paga i risultati della produttività e per allargare la base di rappresentanza del sindacato.

Alla relazione del Segretario della Cisl è seguito un ampio dibattito, sulla base del quale è poi intervenuto in chiusura Raffaele Bonanni.

Leggi la relazione del Segretario della Cisl bresciana Renato Zaltieri.