Accordo per il pastificio Pagani
TORNA INDIETRO

Accordo per il pastificio Pagani

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 24 Luglio 2007

Ieri notte, nella sede dell’Assessorato Provinciale alle Attività Produttive, si è conclusa con un accordo la lunga trattativa originata dalla messa in mobilità di 25 lavoratori da parte della Direzione del Pastificio Pagani di Rovato.

Il contenzioso nasce dall’esigenza aziendale di una riorganizzazione che insieme ad altri interventi di ammodernamento tecnologico dovrebbero rendere maggiormente competitiva l’impresa di Rovato che attualmente occupa 108 dipendenti.

L’intesa prevede un piano d’investimento per il biennio 2007-2008 pari a 1,6 ml di €.

Dal 27 agosto l’azienda farà richiesta di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria per crisi aziendale; durerà un anno e riguarderà, a rotazione, 25 dipendenti.

L’intesa prevede che nessuna esternalizzazione di fasi lavorative venga attuata e che durante la Cassa integrazione non siano utilizzate imprese esterne e personale somministrato: Saranno erogati incentivi a coloro che andranno in mobilità.

Flai Cgil, Fai Cisl e RSU ritengono che l’equilibrio raggiunto nell’accordo sia decoroso: sono stati respinti i licenziamenti e si è stabilito che durante l’anno di Cassa integrazione verranno effettuate verifiche fra le parti sugli effetti degli investimenti e sulla situazione di mercato.

Il sindacato sottolinea anche il significativo contributo dell’Assessore alle attività Produttive della Provincia Aristide Peli, unitamente a quello del Sindaco di Rovato Andrea Cottinelli, alla soluzione della complessa vicenda.