La Cisl di Brescia a Barbiana
TORNA INDIETRO

La Cisl di Brescia a Barbiana

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 18 Maggio 2007

Ci sarà anche una delegazione della Cisl di Brescia domenica 20 maggio alla sesta edizione della “marcia di Barbiana”, la camminata che annualmente, nel ricordo di don Lorenzo Milani, richiama alla pendici del Mugello quanti si impegnano per una scuola capace di rispondere alle urgenze educative e formative del nostro tempo. Una cinquantina di dirigenti, delegati e operatori del sindacato di via Altipiano d’Asiago raggiungeranno domenica mattina in pullman il Comune di Vicchio da dove la marcia avrà inizio alle ore 10,30. Quest’anno la “marcia di Barbiana” assume un significato speciale. Sono trascorsi infatti quaranta anni dalla morte di don Milani e quarant’anni dalla pubblicazione di “Lettera a una professoressa”. Prendendo spunto dalla bocciatura in prima superiore di uno dei suoi ragazzi, don Lorenzo diede vita ad una riflessione e ad una scrittura collettiva diventata poi “il manifesto del rifiuto di qualunque forma di selezione e dell’impegno per la trasmissione dei saperi critici – come è scritto nel concorso lanciato dal Ministero della Pubblica Istruzione per rilanciare la riflessione su questo testo – divenendo subito l’orizzonte di migliaia di giovani studenti, insegnanti e operatori sociali, intercettando le attese di un profondo cambiamento della scuola e dell’educazione, per una democrazia compiutamente realizzata”. Il motto della scuola di Barbiana, l’ormai famoso I care, rimane oggi, mutate le condizioni sociali ma non le contraddizioni di una globalizzazione senza eguaglianza, un orizzonte quanto mai vivo per il futuro dei sistemi educativi.

La delegazione bresciana della Cisl incontrerà a Barbiana uno dei primi ragazzi di quella specialissima scuola allestita nella canonica di quel paesino sperduto nell’Appennino toscano, Maresco Ballini, che proprio don Milani spinse all’impegno sindacale. Ballini è stato per tanti anni in Lombardia, dirigente della Cisl di Milano e Segretario generale della Federazione di Categoria dei lavoratori del settore tessile.