Incidenti stradali come infortuni sul lavoro
TORNA INDIETRO

Incidenti stradali come infortuni sul lavoro

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 24 Aprile 2007

In Lombardia si muore sul lavoro in troppi modi, anche quando si è ancora in strada. O mentre si sta svolgendo la propria attività alla guida di un camion, auto, pullman. Un fenomeno che negli ultimi anni ha registrato un picco di crescita: dalle 87 persone decedute nel 2004 si è passati a 104 nel 2005. Di questi, 49 si recavano al lavoro, 55 erano lavoratori nello svolgimento delle loro attività, in quanto autisti o camionisti. È quanto emerge da un’elaborazione sui dati Inail, presentata nella sede regionale di Cgil, Cisl e Uil nel corso di una riunione con l’Associazione italiana familiari e vittime della strada. Nel 2005, stando agli ultimi dati disponibili, complessivamente gli incidenti stradali mortali in Lombardia sono stati ben 790. “Una dimostrazione che le attività di prevenzione, organizzazione, impegno al controllo e alla repressione dei comportamenti illegittimi e pericolosi sono ancora insufficienti”, sottolinea Franco Giorgi, segretario regionale Cisl Lombardia. In questo contesto, gravissimo, s’inserisce il fenomeno dei lavoratori deceduti sulle strade. Una situazione che ha raggiunto livelli inaccettabili, secondo Cgil, Cisl e Uil e l’Associazione italiana familiari e vittime della strada, aggravata dagli esiti secondari dell’incidentalità stradale: oltre 50 casi di coma vegetativo in più ogni anno, circa 2mila traumi cranici gravi, circa 1200 casi di epilessia post-traumatica, tra i 150 e i 200 paraplegici e tetraplegici traumatici, migliaia di famiglie la cui vita viene sconvolta per sempre. “Dati drammatici, che richiamano la responsabilità di molti soggetti istituzionali – aggiunge Giorgi – per questo sollecitiamo un più incisivo intervento della Regione”. Tra le richieste presentante al Pirellone da Cgil, Cisl e Uil lombarde: l’istituzione di un tavolo regionale sull’incidentalità stradale, coordinato all’interno delle attività di prevenzione; l’istituzione dell’Osservatorio sulla Sicurezza stradale; l’attuazione di una campagna di sensibilizzazione e informazione. (www.lombardia.cisl.it)