Cantieri edili: lo scorso anno sono morti 258 lavoratori
TORNA INDIETRO

Cantieri edili: lo scorso anno sono morti 258 lavoratori

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 17 Gennaio 2007

“Prevenzione, legalità, regolarità. Queste le fondamenta per costruire una maggiore sicurezza in edilizia e mettere un freno al drammatico tributo di vittime sul lavoro che ogni anno coinvolge, loro malgrado, i lavoratori del settore delle costruzioni”. A chiederlo è la Filca-Cisl, che denuncia come nei cantieri italiani lo scorso anno siano morti 258 lavoratori. Una cifra – quella resa nota dal sindacato – che significa “un indice di mortalità dello 0,19% (ogni 1.000 addetti)”, cioé “più del triplo rispetto allo stesso dato che accorpa tutta l’industria e i servizi, pari allo 0,06%”. Per fermare quello che definisce “lo stillicidio di incidenti sul lavoro”, secondo il segretario generale di Filca Cisl, Domenico Pesenti, “é necessario inculcare, sia nei lavoratori che negli stessi imprenditori, quella cultura della sicurezza e della regolarità che sono pi la base per lavorare in un cantiere sano e senza pericoli”. (Ansa)