Poste: uno scandalo da 2 milioni di euro!
TORNA INDIETRO

Poste: uno scandalo da 2 milioni di euro!

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 20 Settembre 2002

Poste Spa continua a ridurre il personale, ad esternalizzare i servizi e a ricorrere a prestazioni precarie; contemporaneamente aumenta però in maniera incontrollata le ore straordinarie di lavoro. “Uno scandalo che solo a Brescia e provincia, dove ormai si è arrivati a 180.000 ore straordinarie, assomma nei primi sei mesi di quest’anno a due milioni di euro”. A spiegarlo è Giovanni Punzi, Segretario generale del Sindacato Poste della Cisl di Brescia, che nei giorni scorsi ha chiesto ai parlamentari bresciani, al Prefetto e al Presidente della Provincia di far sentire la loro voce su un problema sempre più grave.

“Le prestazioni straordinarie per i Dirigenti di Poste Spa – continua Punzi – sono divenute ormai prestazioni ordinarie per poter garantire i servizi in presenza di riduzione di personale; in sette mesi, e precisamente da settembre 2001 ad aprile 2002, i dipendenti che hanno lasciato il servizio sono più di 90 a cui bisognerà aggiungerne altri 80 in uscita entro dicembre. Se poi si considera che lo scorso anno a Brescia sono state erogate nel primo semestre ben 65.000 ore di prestazioni straordinarie e che oggi siamo già a quota 180.000 viene da chiedersi il senso di una politica aziendale che svende il proprio capitale umano”.

Ma se a Brescia occorrono due milioni di ero per coprire i disastri di una incosciente politica di personale, quali sono i costi a livello nazionale?

“Questa delle straordinarie è comunque soltanto la punta dell’iceberg – conclude il Segretario del Sindaco Poste della Cisl – ci chiediamo: Come verranno potenziati gli uffici che aderiranno all’accordo siglato nei giorni scorsi tra Poste Spa e l’Associazione Comuni Bresciani? A quanto ammontano i costi sostenuti da Poste Spa per i ripetuti interventi di ristrutturazione degli uffici postali di Brescia succursale 14, Lumezzane San Sebastiano, Gardone Val Trompia? Perché in diversi uffici postali della provincia di Brescia è stato ripetutamente rinnovato l’arredamento mentre in altri mancano le più elementari opere di sicurezza?”

“Quel che è ormai certo – conclude Giovanni Punzi – è che la grande ristrutturazione di Poste Spa firmata dal top manager Corrado Passera si sta rivelando anche un grande scandalo. Auguri a Banca Intesa, dunque, dove Passera è approdato”.